Ordinanza del Tribunale di Napoli: obbligatoria la comunicazione dei condomini morosi.

Condannato il condominio al pagamento di una penale in caso di ritardo nell’adempimento.

Con la recente ordinanza n. 6479/2022 il Tribunale di Napoli, oltre a ordinare di comunicare al ricorrente i nominativi dei condomini morosi e la quota di debito di ciascuno, ha anche condannato il condominio inadempiente al pagamento di una somma “per ogni giorno di ritardo nell’esecuzione del provvedimento” a decorrere dalla notifica dell’ordinanza stessa ai sensi dell’articolo 614 bis del Codice di procedura civile, accogliendo così la domanda accessoria avanzata dal creditore.
L’art. 614 bis del Codice di procedura civile recita infatti: “con il provvedimento di condanna all’adempimento di obblighi diversi dal pagamento di somme di denaro il giudice, salvo che ciò sia manifestamente iniquo, fissa, su richiesta di parte, la somma di denaro dovuta dall’obbligato per ogni violazione o inosservanza successiva ovvero per ogni ritardo nell’esecuzione del provvedimento. Il provvedimento di condanna costituisce titolo esecutivo per il pagamento delle somme dovute per ogni violazione o inosservanza. Le disposizioni di cui al presente comma non si applicano alle controversie di lavoro subordinato pubblico o privato e ai rapporti di collaborazione coordinata e continuativa di cui all’articolo 409. Il giudice determina l’ammontare della somma di cui al primo comma tenuto conto del valore della controversia, della natura della prestazione, del danno quantificato o prevedibile e di ogni altra circostanza utile”.
Tale provvedimento, come precisato nell’ordinanza, è una pena e non un risarcimento in quanto, come disposto dalla sentenza del n. 409/2014 del TAR della Lombardia, “non mira a riparare il pregiudizio cagionato dall’inesecuzione della sentenza ma vuole sanzionare la disobbedienza alla statuizione giudiziaria e stimolare il debitore all’adempimento”.