Seminario tecnico a Parma di GIA e Anacam: la sicurezza sempre al primo posto

Il 6 novembre scorso si è tenuto a Parma, presso la Sede di Palazzo Soragna, un Seminario tecnico organizzato dalla Sezione Ascensori del Gruppo Imprese Artigiane (GIA) e da ANACAM. L’evento si è aperto con i saluti del presidente GIA Giuseppe Iotti e del presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Parma Susanna Dondi. Va infatti evidenziato che l’Ordine ha accettato di validare l’iniziativa con la concessione dei crediti ai numerosi professionisti intervenuti.
L’ingegner Iotti ha analizzato il mercato ascensoristico a livello mondiale oltre che italiano in funzione del parco impianti esistente e delle previsioni di crescita della popolazione che, si stima, nel 2050 sarà urbanizzata per circa i due terzi.
Luca Incoronato, responsabile della sede nazionale Anacam, ha parlato della nuova Guida all’applicazione della Direttiva Ascensori 2014/33/UE, mentre Ivan Ferrarini, presidente di Anacam Emilia Romagna, e membro del CEN/TC10, WG1, ha tenuto una relazione sulla situazione legislativa e normativa del settore in Italia e in Europa.
Di grande interesse l’intervento del referente nazionale di ALPI Nicodemo De Amicis che ha affrontato il tema della fluidità dei rapporti tra gli Organismi notificati e gli ascensoristi in tema di verifiche periodiche e straordinarie sugli impianti in esercizio. È seguito un dibattito sui problemi pratici e quotidiani che caratterizzano appunto questi rapporti e che ha posto l’accento su un certo disallineamento tra le varie posizioni degli Enti sia su questioni di dettaglio che di spessore maggiore circa le verifiche periodiche.
“Anche se i problemi ci sono e andrebbero affrontati meglio, più spesso, e possibilmente risolti - ha detto Giuseppe Iotti, tirando le conclusioni dell’evento – alla fine, quello che conta è che il settore ascensoristico riesca a garantire la sicurezza degli utenti e dei tecnici, come dimostra il numero veramente basso di incidenti ed infortuni, rapportato al grande parco impianti in esercizio nel nostro Paese”.

0
0
0
s2smodern