ANACAM MAGAZINE - n. 4 ottobre | dicembre 2022

Anacam Magazine 4/2022 spedizione in Abb. Post. 70% Filiale di Roma La rivista di informazione e cultura dell’ascensorismo italiano Anno | XXXI • tr imestrale • n. 4 ottobre | dicembre 2022 LA SALUTE DELLE PMI DEL SETTORE IN TEMPO DI CRISI Indagine di Anacam

2 NESSUN LIMITE AI VOSTRI PROGETTI

E D I T O R I A L E 5 di Andrea Codebò I L S E T T O R E I N C I F R E 8 Lo stato di salute del settore ascensoristico e delle aziende associate tra pandemia e bonus The state of the lift sector and associated companies in relation to the pandemic and the bonuses di Alessandro Ceriani I L P U N T O 1 6 Il tesoretto del condominio The condominium’s treasure di Michele Mazzarda S O L U Z I O N I F I N A N Z I A R I E 2 2 Monitoraggio dei crediti aziendali: tempestività, analisi quantitative e qualitative Monitoring company credits: timeliness, quantitative and qualitative analyses di Alessandro Ceriani L’ av v o c at o r i s p o n d e 2 8 Strumenti a tutela della ditta di manutenzione a fronte della morosità del condominio Tools to protect the maintenance company from the condominium’s debts di Costanza Nucci e Edoardo Toscani p o l i z z e & a s c e n s o r i 3 6 L’assicurazione dei crediti commerciali e la tutela legale Trade credit insurance and legal protection di Alessandro Reategui at t u a l i tà 4 2 Crisi energetica e condomini: gli interventi per affrontarla al meglio How should condominiums face the energy crisis di Gaetano Mulonia at t u a l i tà 4 8 Ascensore, quanto ci costi…davvero? How much does our lift actually cost us? di Giuseppe Iotti r i c o r d o 5 4 Addio a Bruno, imprenditore lungimirante e galantuomo Farewell to Bruno, a forward-looking entrepreneur and gentleman di TLP 3 anacam m a g a z i n e Sommario Anno | XXXI • trimestrale • n. 4 ottobre | dicembre 2022 Proprietà ANACAM Associazione Nazionale Imprese di Costruzione e Manutenzione Ascensori Sede Via Emilia, 47 00187 Roma Tel. / Fax 0642013829 www.anacam.it E-mai: info@anacam.it Testata AnacamMagazine Rivista Trimestrale Registrazione al Tribunale di Roma con Decreto n. 77/92 del 4-02-1992 Direttore Responsabile Annunziata Lo Papa Pubblicità Anacam Service srl Sede Via Emilia, 47 00187 Roma Tel. +39 06 420 13 829 E-mail: magazine@anacam.it Direttore Editoriale Andrea Codebò Comitato di redazione Alessandro Cattelan, Andrea Codebò, Laura Ferrari, Luca Incoronato, Giuseppe Ligorio, Titti Lo Papa, Michele Mazzarda, Alessandra Recchia, Federica Valli Responsabile Comunicazione Michele Mazzarda Responsabile Organizzativo Luca Incoronato Segreteria Organizzativa Laura Ferrari, Federica Valli Realizzato da Generando s.r.l. Sede Via Flaminia, 657 00191 Roma Tel. +39 339 8782774 E-mail: magazine@anacam.it www.generando.eu Stampato da Futura Grafica 70 Srl Via Polia, 37 00178 Roma Tel. 067840474/5 E-mail: info@futuragrafica.com Copyright© 2001 Altri prodotti o società menzionati possono essere marchi registrati dai rispettivi proprietari.

4 Assicuriamo imprese ascensoristiche e i loro ascensori da oltre 40 anni PER ARRIVARE IN ALTO www.cabrokersrl.it mail@cabrokersrl.it +39 051 6013276 C.A. BROKER SRL Via Farini 10 40124 Bologna BO

anacam magaz ine d i A n d r e a C o d e b ò BONUS EDILIZI, rincari e indici Builging renovation bonuses, price increases and indexes p r e s i d e n t e n a z i o n a l e A n a c a m n a t i o n a l P r e s i d e n t o f A n a c a m 5 L’AUMENTO DEI COSTI DEI MATERIALI, DELL’ENERGIA E DEL CARBURANTE HA AVUTO UN FORTE IMPATTO SULLA GESTIONE DELLE NOSTRE AZIENDE The increasing costs of materials, energy and fuel have had a strong impact on the management of our companies ibonus edilizi con i relativi sconti in fattura hanno creato molte opportunità per i professionisti, questo è innegabile. Anzi, molti ritengono che gli incentivi fiscali dovrebbero diventare strutturali e non avere più un carattere eccezionale o temporaneo. Tuttavia, c’è da dire che a fronte degli indiscutibili vantaggi derivanti dagli Builging renovation bonuses and incentives have created many opportunities for professionals, this is undeniable. Indeed, many believe that tax incentives should become structural and no longer have an exceptional or temporary nature. However, in spite of the indisputable advantages deriving from tax

anacam magaz ine d i A n d r e a C o d e b ò incentivi fiscali, pur tra mille difficoltà, non si può sottovalutare l’impatto che hanno sulla gestione delle nostre aziende l’aumento dei costi dei materiali, dell’energia, del carburante, dei parcheggi, dei pedaggi, dell’accesso alle ZTL. L ’aumento generale dei costi è del resto certificato dall’indice dei prezzi Istat che ultimamente ha superato l’11% su base annua, un livello che non raggiungevamo da qualche decennio. A differenza di quanto successo in passato, quindi, quest’anno sarà gioca forza applicare un adeguamento del canone. L’invito che Anacam rivolge a tutte le aziende associate è di controllare la clausola relativa all’adeguamento dei prezzi inserita nei contratti, verificando a quale indice fa riferimento. In presenza di indici che non esistono più, occorre dare comunicazione al cliente, in particolare se si tratta di un consumatore, dell’indice che si intende applicare. La sede nazionale Anacam resta a disposizione per qualsiasi delucidazione. incentives and the many drawbacks, one cannot underestimate the impact of the increasing costs of materials, energy, fuel, motorway tolls, and accessing restricted traffic areas, on the management of our companies. Moreover, the general increase in costs is certified by the Istat price index which has recently exceeded 11% on an annual basis, a level that had not been reached for a few decades. Therefore, unlike the past situation, an adjustment of the annual maintenance fee will be necessary this year. Anacam’s recommendation for all member companies is to check the clause relating to the price adjustment inserted in the maintenance contracts, verifying which index it refers to. For indexes that no longer exist, the customer must be notified of the index to be applied, particularly when the customer is a consumer. The Anacam national office is available for any clarification. 6

La ricerca commissionata da Anacam fornisce delle osservazioni utili per ogni operatore per comprendere i parametri chiave per mantenere una solidità adeguata The research commissioned by Anacam providing useful observations to understand the key parameters to maintain adequate solidity lostatodi salute delsettoreascensoristicoedelleaziende associate tra pandemia e bonus 8 i l settore in ci fre d i A l e s s a n d r o C e r i a n i * The state of the lift sector and associated companies in relation to the pandemic and the bonuses

The research commissioned by Anacam collects a sample of 1876 companies that consider the Ateco codes of reference for the sector and the diverse structure of the corporate names of the units of the sector, including partnership companies and limited companies. The primary source of the data is the business register for limited companies, but also the history of the analyses carried out for Anacam member (thanking Dante Pozzoni for his support in this regard). Finally, the analysis considers membership of the association itself as a distinctive factor since the member companies represent a significant group in terms of turnover within the sector operators of approximately 30% of the analysed population. The 2019-2020-2021 sector trend was considered, well understanding that the years 2020 and 2021 were strongly influenced by the Covid-19 pandemic and that the partial expansion is due to the driving force of building bonuses or similar extras. The research in question, therefore, presents a picture of the sector but while also providing useful observations to understand what key parameters are needed to compete and keep an adequate solidity. In this sense, we will focus on the financial aspects, as companies in the sector are often a “cash lung” for their customers: condominiums and public bodies are very slow in terms of payment and also take advantage of a lack of controls of recurring receipts. In a context of growing costs for raw materials and other production factors (energy and its derivatives) and a continuous increase in the cost of money both for the Euribor base rate and for the spread applied by banks and financial institutions such as leasing companies and rental, it is essential for companies in the sector to monitor working capital, otherwise there could be the risk of a financial crisis and lack of cash to carry out current activities. TURNOVER, EMPLOYEES, LEGAL FORM The first data to describe the sector are overall dimensional data in which the aggregate turnover over the years has had an average of around 3,000 million euros and a number of employees that is around 19,000. With regard to the corporate legal structure adopted by the subjects of the sector, it should be noted that for approximately 60% (1,114 subjects out of a total of 1,876), we refer to limited companies while the remaining part, almost 40%, is constituted by sole proprietorships or partnerships. By comparing the company name with the turnover, it can be seen that approximately 195 million euros are attributable to partnerships and sole proprietorships which represent only 6% of the total turnover. In a context in which analyses and a solidity of the database are increasingly required both for internal (of entrepreneurs) and external (of banks, suppliers, other subjects) needs, the sector on average expresses a high value of turnover produced by limited companies which are, by their nature and structure, a more qualified tool for a productive dialogue with the stakeholders, i.e. all the interlocutors of La ricerca commissionata da Anacam raccoglie un campione di 1876 imprese che considerano le classificazioni Ateco di riferimento per il settore e la diversa struttura delle ragioni sociali delle entità presenti nel settore, includendo società di persone e di capitali. La fonte primaria dei dati è il registro imprese per le società di capitali, ma anche la memoria storica delle analisi svolte per gli associati Anacam (in tal senso si ringrazia Dante Pozzoni per il supporto avuto). Infine, l’analisi considera l’appartenenza all’associazione stessa come fattore distintivo in quanto le imprese associate rappresentano per fatturato un gruppo significativo all’interno degli operatori di settore pari a circa il 30% della popolazione in analisi. È stato considerato l’andamento del settore per il periodo 2019-2020-2021, ben comprendendo che gli anni 2020 e 2021 sono stati fortemente influenzati dalla pandemia Covid-19 e che la parziale espansione è dovuta al traino dei bonus edilizi o simili. La ricerca in oggetto, pertanto, non ha solo l’obiettivo di presentare una fotografia del settore ma anche quello di fornire delle osservazioni utili per ogni operatore per comprendere quali sono i parametri chiave per competere e per mantenere una solidità adeguata. In tal senso ci si focalizzerà sugli aspetti finanziari, in quanto le società del settore spesso sono un “polmone di cassa” per i propri clienti: i condomini e gli enti pubblici sono molto lenti nei termini di pagamento e approfittano anche di una assenza di controlli ricorrenti sugli incassi. In un contesto di costi crescenti per materie prime ed altri fattori produttivi (energia e suoi derivati) e di incremento continuo del costo del denaro sia per il tasso di base Euribor che per lo spread applicato dalle banche e dalle istituzioni finanziarie come le società di leasing e di noleggio, è fondamentale per le imprese di settore il monitoraggio del capitale circolante, altrimenti ci potrebbe essere il rischio di una crisi finanziaria e di mancanza della cassa per svolgere l’attività corrente. FATTURATO, ADDETTI, FORMA GIURIDICA I primi dati per descrivere il settore sono dati dimensionali complessivi in cui il fatturato aggregato nel corso degli anni ha avuto una media di circa 3.000 milioni di euro e un numero di addetti che sono pari a circa 19.000 persone. In merito alla struttura giuridico societaria adottata dai soggetti presenti nel settore, si evidenzia che per circa il 60% (1.114 soggetti su un totale di 1.876), ci si riferisce a società di capitali mentre la parte restante, quasi il 40%, è costituita da imprese individuali o da società di persone. Rapportando la ragione sociale con il fatturato si può notare che circa 195 milioni di euro sono attribuibili alle società di persone e imprese individuali che rappresentano solo il 6% del fatturato complessivo. In un contesto in cui sempre di più sono richieste analisi e una solidità della base dati sia per esigenza interna (degli imprenditori) che esterna (delle banche, fornitori, 9

altri soggetti), il settore mediamente esprime un elevato valore di fatturato prodotto da società di capitali che sono, per loro natura e struttura, uno strumento più qualificato per un dialogo produttivo e di crescita con gli stakeholders, cioè tutti gli interlocutori dell’impresa nel proprio business e a livello finanziario, societario, sociale, ambientale e culturale. In termini di analisi dettagliata, considerando solamente le società di capitali, si può evidenziare che il codice Ateco 43.29.01 (installazione e manutenzione) raccoglie circa 1.031 milioni di euro di fatturato e circa 7.442 addetti contro i valori rappresentativi del codice Ateco 28.22.01 (fabbricazione impianti) che totalizza un fatturato di 1.038 milioni di euro con un totale addetti pari a 5.108 persone. È evidente dai dati di cui sopra che i due codici principali coprono oltre i due terzi del valore di fatturato generato nel 2021 dall’intero gruppo di imprese considerato, limitando a tutti gli altri codici (commercializzazione componenti e realizzazione impianti elettrici) il valore residuo del fatturato espresso dal campione in esame. Tale elemento è dovuto in parte al fatto che, per i due codici Ateco considerati, c’è una influenza importante dovuta al peso dei grandi “player” e dei soggetti di medie dimensioni del settore: 5 soggetti sopra i 50 milioni di euro di fatturato con un totale aggregato di 659 milioni di euro e 22 soggetti sopra i 10 milioni di euro di fatturato, con un totale aggregato di 331 milioni di euro. SU E GIÙ PER L’ITALIA Rispetto ai 1.876 soggetti considerati, oltre un quinto risiede in Lombardia e oltre il 42% (totale soggetti 793) è ubicato in Italia del Nord tra Lombardia (totale soggetti 397), Piemonte (totale soggetti 158), Veneto (totale soggetti 91) ed Emilia-Romagna (totale soggetti 147). Per quanto riguarda il resto del Paese, vi è una forte concentrazione nel Lazio (totale soggetti 262), in Campania (totale soggetti 162), in Puglia (totale soggetti 100) e Sicilia (totale soggetti 116). Il resto delle regioni esprime una polverizzazione delle attività che non sono concentrate in grandi aree urbane ma suddivise su territori con una densità di rapporto tra numero di impianti per popolazione molto più bassa. REDDITIVITÀ, INCASSI, COSTI Definite a livello macro le dimensioni del settore è opportuno considerare alcuni parametri di redditività che, sempre per il campione delle società di capitali e per i due codici Ateco principali, determina un rapporto tra EBITDA (margine operativo lordo) e ricavi delle vendite (fatturato netto) pari a circa il 6% nell’anno 2021. Tale dato risente a livello economico ancora degli effetti Covid-19 in quanto nell’anno 2019, a parità di perimetro, il dato presentava un valore superiore all’11%. Allo stesso modo i dati di sintesi non consentono un’analisi con un livello di dettaglio elevato per comprendere la 10 the company in its business and at a financial, corporate, social, environmental and cultural level. In terms of detailed analysis, considering only limited companies, it can be highlighted that the Ateco code 43.29.01 (installation and maintenance) collects approximately 1,031 million euros in turnover and approximately 7,442 employees against the representative values o​ f the Ateco code 28.22.01 (manufacturing of lifts and lift components) which totals a turnover of 1,038 million euros with a total number of 5,108 employees. It is evident from the above data that the two main codes cover over two thirds of the turnover value generated in 2021 by the entire group of considered companies, limiting the residual value of the turnover expressed by the sample in question. This element is partly due to the fact that, for the two Ateco codes, there is an important influence due to the weight of the large “players” and medium-sized subjects in the sector: 5 subjects with a turnover of over 50 million euros with an aggregate total of 659 million euros and 22 entities with a turnover of over 10 million euros, with an aggregate total of 331 million euros. AROUND ITALY Compared to the 1876 subjects considered, over a fifth reside in Lombardy and over 42% (793 subjects) are located in Northern Italy between Lombardy (397 subjects), Piedmont (158 subjects), Veneto (91 subjects) and Emilia-Romagna (subjects 147). As regards the rest of the country, there is a strong concentration in Lazio (262 subjects), Campania (162 subjects), Puglia (100 subjects) and Sicily (116 subjects). The rest of the regions express a fragmentation of activities that are not concentrated in large urban areas but divided UN’ASSOCIAZIONE come Anacam, è un elemento che può conferire maggiore sicurezza e stabilità in fasi incerte come quelle correnti: è fondamentale avere un supporto a livello di consulenza tecnica Anacam is an association that can provide security and stability in uncertain phases such as the current one: technical consultancy support is essential i l settore in ci fre d i A l e s s a n d r o C e r i a n i *

11

struttura dei costi ed eventuali inefficienze. In ogni caso l’esame della redditività ci consente di creare un legame tra la marginalità dell’impresa e l’impegno quotidiano richiesto dalla gestione finanziaria. I due parametri sono fortemente legati dato che a fronte di un costo del denaro crescente i soggetti del settore devono fronteggiare una dilatazione degli incassi: cresce il divario tra i giorni medi di incasso dei clienti e i giorni medi di pagamento ai fornitori. La forchetta per l’anno 2021 presenta due estremi compresi tra un massimo di 300 giorni circa di attesa per l’incasso crediti e una media di circa 100 giorni per il pagamento dei fornitori. Le imprese, quindi, sono chiamate a svolgere le attività per i clienti, ma anche a “finanziarli”, in quanto “cattivi pagatori”. Si assiste sempre di più alla crescita del valore del capitale circolante, cioè il saldo netto del valore dei crediti e delle rimanenze al netto dei debiti verso fornitori. I debiti correnti verso fornitori sono pagati a breve termine così come i costi fissi (personale ed altre spese come affitti o canoni tecnici per i beni strumentali), mentre i crediti verso clienti sono incassati con ritardo. Oltre alla crescita del capitale circolante, l’incremento del costo del denaro, porta le imprese ad avere una onerosità crescente per gli interessi passivi, in quanto devono anticipare le fatture emesse e farsi finanziare per pagare le spese a pronti. MONITORAGGIO DEI CREDITI In forza di tale schema, è fondamentale per le imprese aumentare il livello di monitoraggio dei crediti e dei tempi di incasso perché ritardi aggiuntivi generano maggiori oneri per interessi e, a fronte di redditività più basse rispetto al passato, le imprese rischiano di finire in una posizione di stallo (pareggio sostanziale) o addirittura negativa (perdita dopo il calcolo del costo degli interessi). Le imprese del settore devono essere coscienti che anche il costo del denaro è uno degli elementi che devono considerare nel proprio listino prezzi, in forza della necessità di far fronte a ritardi sempre più marcati negli incassi dei crediti. GLI ASSOCIATI ANACAM Il gruppo degli associati Anacam presenta le caratteristiche medie sopra descritte con alcune particolarità molto positive. Prima di tutto è opportuno considerare che su una platea di 447 associati (dato a ottobre 2022) solo 110 soggetti non sono classificati come società di capitale. Come detto tale fenomeno è positivo in quanto le attività di monitoraggio e di confronto con i dati di settore sia per la gestione dei rapporti bancari che per altre forme regolatorie richiedono l’adozione di una forma societaria che sia sempre più strutturata. Considerando solo i dati disponibili degli associati che adottano la forma delle società di capitale, in quanto pubblicano i dati di bilancio, è opportuno segnalare che i ricavi aggregati degli associati nel 2021 sono cresciuti di circa il 14% se 12 over territories with a much lower density ratio between the number of lifts per population. PROFITABILITY, REVENUES, COSTS Once the dimensions of the sector have been defined at a macro level, it is advisable to consider some profitability parameters which, again for the sample of limited companies and for the two main Ateco codes, determine a ratio between EBITDA (gross operating margin) and revenues from sales (net turnover) of approximately 6% in 2021. This figure is still affected at an economic level by the Covid-19 effects since in 2019, in the same terms, the figure was higher than 11%. The data do not allow for an analysis with a high level of detail to understand the cost structure and any inefficiencies. In any case, the examination of profitability allows us to create a link between the profitability of the company and the daily commitment required by financial management. The two parameters are strongly linked given that facing a growing cost of money, the subjects of the sector have to address an expansion of collections: the gap between the average days of collection of customers and the average days of payment to suppliers is growing. The range for the year 2021 has two extremes between a maximum of approximately 300 days of waiting for the collection of receivables and an average of approximately 100 days for the payment of suppliers. Firms, therefore, are called upon to carry out activities for customers, but also to “finance” them, being “bad payers”. We are increasingly witnessing the growth in the value of working capital, i.e. the net balance of the value of receivables and inventories net of trade payables. Current payables to suppliers are paid in the short term, as are fixed costs (staff and other expenses such as rent or technical fees for capital goods), while trade receivables are collected late. In addition to the growth of working capital, the increase in the cost of money leads companies to have a growing burden for interest expense, as they have to anticipate the invoices issued and get financed to pay spot expenses. CREDIT MONITORING Following this scheme, it is essential for businesses to increase the level of monitoring of receivables and collection times because additional delays generate higher interest charges and, with lower profitability than in the past, businesses risk ending up in a stalemate (substantial break-even) or even worse (loss after interest cost calculation). Companies in the sector must be aware that the cost of money is also one of the elements they must consider in their price list, due to the need to deal with increasingly marked delays in the collection of receivables. ANACAM MEMBERS The group of Anacam associates has the average characteristics described above with some very positive particularities. Firstly, it should be considered that out of 447 i l settore in ci fre d i A l e s s a n d r o C e r i a n i *

13 member companies (as of October 2022) only 110 are not classified as limited companies. As mentioned, this is a positive since the monitoring and comparison activities with sector data both for the management of banking relationships and for other regulatory forms require adopting an increasingly structured corporate form. Considering only the available data of associates who adopt the form of limited companies, as they publish financial statement data, it should be noted that the aggregate revenues of associates in 2021 grew by around 14% when compared with 2020. At the same operating profitability (EBITDA, i.e. the operating result before amortization, depreciation, write-downs, interest and taxes) has maintained a value of around 13%, equal to the level reached in 2020, i.e. approximately 5 points higher than in a sector that expresses a value around 8%. In addition to the economic parameters, it is useful to analyse the solidity of the member companies also in terms of assets, in fact the ratio between EBITDA and debt is approximately 3, which means that on average the analysed companies have recourse to financial debt but maintain a good repayment capacity. In the specific case, it should be noted that the 3-year parameter is in line with banking best confrontati con il 2020. Allo stesso modo la redditività operativa (EBITDA, cioè il risultato operativo prima degli ammortamenti, svalutazioni, interessi e imposte) ha mantenuto un valore intorno al 13% pari al livello raggiunto nel 2020, e cioè di circa 5 punti superiore rispetto ad un settore che esprime un valore intorno all’8%. Oltre ai parametri economici è utile analizzare la solidità degli associati anche in termini patrimoniali, infatti il rapporto tra EBITDA e debiti è pari a circa 3, che significa che mediamente le imprese analizzate fanno ricorso al debito finanziario ma mantengono una buona capacità di rimborso. Nel caso specifico, si evidenzia che il parametro di 3 anni è in linea con le best practice bancarie, in quanto la soglia critica è rappresentata dal superamento di un rapporto pari a 5 o oltre. Le imprese associate devono affrontare l’esigenza di gestire il capitale circolante, che ha un assorbimento crescente per le rimanenze e per i termini di pagamento concessi ai clienti. Pertanto, gli associati devono far ricorso alla leva finanziaria, e in tal senso si può evidenziare che questo fenomeno è confermato nel 2021 dal differenziale tra i giorni medi incasso dai clienti pari a 161 contro una media dei giorni di pa-

gamento verso fornitori pari a 105. In sostanza circa 2 mesi di capitale circolante devono essere finanziati in un contesto di costo crescente del denaro, aggiungendo una onerosità potenziale che può erodere dal 2022 il risultato netto. Sempre nell’analisi della solidità degli associati anche a livello di ritorno sul capitale, nel rapporto tra utile netto e patrimonio netto (tecnicamente ROE, cioè return on equity), gli associati in aggregato evidenziano un parametro medio del 21%. Il parametro è significativo della capacità reddituale e dell’equilibrio patrimoniale degli associati, anche rispetto ad un settore che ha evidenziato un valore medio nel 2021 del 17%. CONCLUSIONI In conclusione, si richiama la consistenza del gruppo degli associati Anacam all’interno del settore, in quanto rappresentano circa un terzo del fatturato complessivo e circa un quarto per gli addetti coinvolti. Tale aspetto è sicuramente positivo, dato che essere parte di una associazione come Anacam, è un elemento che può conferire maggiore sicurezza e stabilità in fasi incerte come quelle correnti: è fondamentale avere un supporto a livello di consulenza tecnica, ma anche di richiamo dell’importanza della formazione e specializzazione degli associati per un monitoraggio delle variabili in chiave sia economica che finanziaria, così come presentato in questa breve sintesi. Da ultimo si vuole ricordare come nel corso del triennio 2019-2021 le imprese associate ad Anacam a livello di dati aggregati medi non hanno avuto grandi oscillazioni dovute anche agli effetti Covid, sia in termini economici che patrimoniali. Tale dato dimostra una solidità duratura nel tempo che permette di affrontare le sfide correnti che riflettono soprattutto l’incertezza finanziaria dei clienti (spesso sempre più cattivi pagatori) e la necessità di continuare negli investimenti in formazione del personale ed in tecnologia per mantenere le solide posizioni raggiunte e poter crescere ulteriormente. *Docente Università Cattolica, Dottore Commercialista 14 practices, as the critical threshold is represented by exceeding a ratio of 5 or more. Member companies are faced with the need to manage working capital, which has a growing absorption due to inventories and due to the payment terms granted to customers. Therefore, the associates must resort to financial leverage, which is confirmed in 2021 by the difference between the average 161 days of customer collection against an average of 105 days of payment to suppliers. In essence, about 2 months of working capital must be financed in a context of increasing cost of money, adding a potential burden that could erode the net result from 2022. In the analysis of associates’ solidity, also in terms of return on capital, in the ratio between net profit and equity (technically ROE, i.e. return on equity), the associates in aggregate show an average parameter of 21%. The parameter is significant of the income capacity and equity balance of the associates, even compared to a sector that showed an average value of 17% in 2021. CONCLUSIONS In conclusion, we recall the consistency of the group of Anacam associates within the sector, as they represent about a third of the total turnover and about a quarter for the employees involved. This aspect is certainly positive, since being part of an association like Anacam is an element of security and stability in uncertain times such as the current one: it is essential to have support in terms of technical consultancy, as is training and specialization of the associates for monitoring the variables in both economic and financial terms, as presented in this brief summary. Lastly, it should be recalled that during the three-year period 2019-2021 the companies associated with Anacam did not experience large fluctuations of average aggregate data also due to the Covid effects, both in economic and equity terms. This figure demonstrates a long-lasting solidity that allows us to face current challenges which above all reflect the financial uncertainty of customers (often increasingly bad payers) and the need to continue investing in personnel training and technology to maintain the solid positions achieved and for possible further growth. *Professor at UniversitàCattolica, CharteredAccountant i l settore in ci fre d i A l e s s a n d r o C e r i a n i *

15

16 During an Anacam event, speaking with a condominium manager, in trying to assess the reasons for the late payments, taking into account the sector companies’ immediate costs for managing each work and company resources as well as the slightly deferrable costs for materials, explaining that it is no longer sustainable for the end customer to exceed these periods to settle the amount due, I was told: “the lift operator is the condominium’s treasure”. Yet, until a few years ago, the custom was regular or even advance payment of the maintenance fee, which served as support for the cash advance that companies used for labour and materials for overtime work and used to guarantee a certain balance to the market. Nowadays, different and higher costs have also been added to the delays in payments which have never been compensated for by the negligible increases in maintenance fees, such as the costs relating to electricity, fuel, insurance, parking and traffic time, tolls, labour costs, rent, bank and credit management costs, cost of money and inflation, etc. All these costs have now become unsustainable and the lack of liquidity may jeopardize the economic result. Another problem is the monthly or quarterly VAT advance. For each invoice issued, VAT must be paid the following month/quarter, net of VAT compensation on purchases. Some months, probably almost 90% of the invoices issued included in the periodic VAT return are not collected. Government intervention would be needed since paying uncollected VAT has become an important financial commitment given that, on the contrary, the State requests unpaid VAT immediately, with an increase in interest. The withholding tax also undermines the company’s liquidity for the period. Having to pay taxes on each collection (4% is withheld while the banks currently apply a withholding of around 8% of the taxable amount), especially in some periods, can be penalizing for the liquidity of that month. The almost spontaneous response of the building manager, who I know to be an honest and upright person, was Durante un evento Anacam, parlando con un amministratore di condominio, nel provare a fare una valutazione sul perché dei continui ritardi dei pagamenti, rimarcando che le aziende di settore hanno dei costi immediati inmerito alla gestione di ogni lavoro e alle risorse aziendali impiegate e dei costi di poco differibili per pagare i materiali, spiegando che non è più sostenibile che il cliente finale superi questi periodi per saldare quanto dovuto, mi è stato risposto: “l’ascensorista è il tesoretto del condominio”. Eppure, fino a qualche anno fa, c’era la consuetudine del pagamento regolare o addirittura anticipato del canone di manutenzione, che fungeva da supporto all’anticipo di denaro che le aziende dovevano sostenere per pagare mano d’opera e materiali per i lavori straordinari e garantiva al mercato un certo equilibrio. Oggi ai ritardi nei pagamenti si sono aggiunti anche dei costi diversi e maggiori che non sono mai stati compensati con gli irrisori aumenti dei canoni di manutenzione, come quelli relativi a elettricità, carburante, assicurazioni, parcheggi e tempo nel traffico, pedaggi, costo del lavoro, affitti, costi bancari e di gestione del credito, costo del denaro e dell’inflazione, eccetera. Tutti questi costi sono ormai diventati insostenibili e la mancanza di liquidità rischia di compromettere il risultato economico. Altro problema è l’anticipo Iva mensile o trimestrale. Per ogni fattura emessa va versata l’Iva il mese/trimestre successivo, al netto della compensazione dell’Iva sugli acquisti. Alcuni mesi, probabilmente quasi il 90% delle fatture emesse inserite nella dichiarazione Iva periodica, non sono state ancora incassate. Ci vorrebbe un intervento governativo in quanto versare Iva non incassata è diventato un impegno finanziario importante visto che, al contrario, la richiesta da parte dello Stato, qualora non fosse versata l’Iva, è diventata praticamente immediata, con aggravio di interessi. A minare la liquidità aziendale di periodo è anche la ritenuta alla fonte. Il fatto di dover pagare le imposte ad ogni incasso (viene trattenuto il 4% mentre le banche applicano una trattenuta pari attualmente a circa l’8% dell’importo imponibile), soprattutto in alcuni periodi, può risultare penalizzante per la liquidità di quel mese. I L PUNTO d i M i c h e l e M a z z a r d a iL TESORETTO DEL CONDOMINIO THE CONDOMINIUM’S TREASURE La situazione della liquidità per sostenere lo sviluppo è fortemente deficitaria e l’azione decisa di chi governa le aziende del settore è la strada per il cambiamento T h e c u r r e n t l i q u i d i t y t o s u p p o r t d e v e l o p m e n t i s s e v e r e l y l i m i t e d a n d t h e p a t h t o c h a n g e w i l l b e d e t e r m i n e d b y t h o s e w h o g o v e r n t h e s e c t o r c o m p a n i e s

17 È necessario inserire nelle aziende più giovani perché ESSI SONO CAPACI di una visione globale e scevri dai retaggi storici del settore che hanno incatenato il sistema Younger employees must be hired in companies as they are capable of a global vision and are unburdened by the historical legacies of the sector that weigh down the system

18 surprising in his genuineness, but it clarifies very well what the habit is. It is clear that other suppliers of goods or services of the condominium or private individuals, who can interrupt the service or reduce its effect, are favoured in case of cash difficulties. For a number of reasons, which we all know, lift maintenance companies are in any case and always forced to guarantee assistance, including the 24-hour service, even in the event of late payment. All the players in our sector should concretely reflect on the fact that a supplier who is paid late, repeatedly and constantly, is weakened in his ability to guarantee service and safety for all users who, unaware, also suffer from this situation. It is a system problem, not merely concerning a territory or a malpractice, and it is an alarm signal because it means that the sector is weakening. Despite everything, the economic numbers of the analysis of the companies in the sector are still positive, as excellently explained by Professor Ceriani in the interesting article published in this edition of ANACAM MAGAZINE, but the liquidity situation to support development is strongly lacking and it is necessary to anticipate the resolution of what could become a structural defect of the sector. The Anacam observatory clearly shows that there is no homogeneous behaviour on the market to deal with this situation. Demanding respect for work is a sign of strength and professionalism; indulging in certain behaviours is a sign of weakness in the sector and will never lead to change. The decisive action of those who govern companies in the sector is the path to change. Furthermore, it seems important to reflect on the types of companies, on who governs them and how. Even if service providers, i.e. installers and maintenance companies, with component manufacturers are part of the same market, they undergo the dynamics described above in two different ways. Furthermore, it must be considered that in Italy about 70% of companies in the sector are family-type micro-enterprises, while in Europe the leading companies are large, in line with the global trend, and small ones act as subcontractors. In Italy, components producers are usually medium and large companies who receive payments, on average on a regular basis, in times ranging between 30 and 90 days. The world of services, on the other hand, is mainly made up of small and medium-sized companies who are more flexible and agile, they manage to be closer to the end customer and at the same time absorb all the market variables with payment times exceeding 180 days. Surely those who produce components are bound by raw materials, but they also have the strength to carry out research and innovation; those who provide maintenance services risk being blocked by inverted payment times in which supplier and labour are first paid and La risposta quasi spontanea di quell’amministratore, che so essere persona onesta ed integerrima, è stata sorprendente nella sua genuinità, ma chiarisce molto bene quale sia la consuetudine. È chiaro che altri fornitori di beni o servizi del condominio o dei privati, che hanno la possibilità di interrompere il servizio o diminuirne l’effetto, sono favoriti in caso di difficoltà di cassa. Per una serie di motivi, che tutti conosciamo, le aziende di manutenzione impianti elevatori sono costrette comunque e sempre a garantire l’assistenza, inclusoil servizioH24, anche incasodi ritardatopagamento. Tutti gli attori del nostro comparto dovrebbero riflettere in concreto sul fatto che un fornitore pagato in ritardo, in maniera reiterata e costante, viene indebolito nella sua capacità di garantire il servizio e la sicurezza per tutti gli utenti che, ignari, subiscono anche loro questa situazione. È un problema di sistema, non più di un territorio o di un malcostume, ed è un segnale di allarme perché vuol dire che il comparto si sta indebolendo. Nonostante tutto, i numeri economici dell’analisi delle aziende di settore sono ancora positivi, come egregiamente spiegato dal professor Ceriani nell’interessante articolo pubblicato su questa edizione di ANACAM MAGAZINE, ma la situazione della liquidità per sostenere lo sviluppo è fortemente deficitaria e bisogna anticipare la risoluzione di quello che potrebbe diventare un difetto strutturale del comparto. È evidente, dall’osservatorio Anacam, che non c’è sul mercato un comportamento omogeneo per fronteggiare questa situazione. Pretendere rispetto per il lavoro è segnale di forza e professionalità; assecondare certi comportamenti è segnale di debolezza del settore e non porterà mai ad un cambiamento. L’azione decisa di chi governa le aziende del settore è la strada per il cambiamento. Appare, inoltre, importante fare una riflessione sulle tipologie di aziende, su chi le governa e come. Anche se i fornitori di servizi, ossia gli installatori e i manutentori, insieme ai produttori di componenti sono parte dello stesso mercato, essi subiscono le dinamiche sopra descritte in due modi diversi. Inoltre, bisogna considerare che in Italia circa il 70% delle aziende del settore sono microimprese di tipo familiare mentre in Europa, in linea con la tendenza mondiale, predominano le grandi aziende e i piccoli fanno da subappaltatori. In Italia, il mondo che produce i componenti, solitamente aziende di medie e grandi dimensioni, riceve i pagamenti, mediamente in modo regolare, in tempi variabili tra 30 e 90 giorni. Il mondo dei servizi, invece, è principalmente composto da aziende di piccole e medie dimensioni che agiscono in maniera più elastica ed agile riuscendo ad essere maggiormente vicine al cliente finale ma che al contempo assorbono tutte le variabili del mercato con tempi di pagamento superiori a 180 giorni. Sicuramente chi produce componenti ha il vincolo delle materie prime, ma ha anI L PUNTO d i M i c h e l e M a z z a r d a

19 che la forza di fare ricerca e innovazione; chi fornisce servizi di manutenzione rischia di essere ingessato da tempi di pagamento invertiti in cui prima si paga il fornitore e la mano d’opera e poi si incassa dal cliente. Le aziende di servizi affrontano direttamente il mercato del cliente finale. I produttori vivono il mercato, in un certo senso, attraverso l’azienda di manutenzione e servizi, o attraverso i cambiamenti delineati dal progresso e dallo sviluppo del prodotto che sappiamo essere fortemente influenzato dall’attività dei gruppi internazionali sui tavoli tecnici e politici europei e mondiali (da qualche anno Anacam sta investendo per cambiare tutto questo). Tutte, invece, subiscono una pressione fiscale importante, anche rispetto ad altri Paesi, con lo Stato che chiede i soldi ma non offre supporto alle aziende per poter avere la liquidità necessaria per pagare le tasse dirette e indirette. Se è vero che il servizio e la vicinanza al cliente riescono meglio alle piccole e medie aziende, le grandi aziende, appesantite da procedure poco snelle nel gestire i servizi, hanno una capacità finanziaria maggiore dovuta anche all’attività su altri mercati. Proprio per questo risulta importante, non più solo essere vicini al cliente e fare bene il proprio lavoro, ma anche gestire i flussi finanziari in modo corretto. Questo permetterà di allontanare l’ipotesi di uno scenario di sole poche aziende sul mercato che “la fanno da padrone”, scenario che, riflettendo, potrebbe essere scomodo per tutti, anche per quanti oggi favoriscono i disequilibri sopra descritti. Come spiegato anche dal professor Ceriani, la differenza tra pagamento dei materiali e della mano d’opera e tempo di incasso (la formula per calcolare i tempi di incasso è facilissima: il totale dei crediti, ovviamente al netto dell’Iva, va diviso per il totale del fatturato o dei ricavi, moltiplicato per 365 giorni) produce squilibri di circolante in azienda e indebolisce chi vende direttamente il prodotto o il servizio then collected from the customer. Service companies face the final customer market directly. Manufacturers experience the market, in a certain sense, through the maintenance and services company, or through the changes outlined by the progress and development of the product which we know is strongly influenced by the activity of international groups on European and international technical and political tables (for some years Anacam has been investing to change all this). However, they all suffer a significant tax burden, even compared to other countries, with the State asking for money but not offering support to companies in order to have the necessary liquidity to pay direct and indirect taxes. If service and proximity to the customer are better suited to small and medium-sized companies, large companies, weighed down by procedures that are not very streamlined in managing services, have a greater financial capacity also due to activity in other markets. Precisely for this reason it is important not only to be close to the customer and do one’s job well, but also to manage financial flows correctly. This will make it possible to dismiss the hypothesis of a scenario where only a few companies on the market “run the show”, a scenario which could be difficult for everyone, even for those who favour the imbalances described above. As explained by Professor Ceriani, the difference between payment for materials and labour and collection time (the formula for calculating collection times is very easy: the total credits, obviously net of VAT, must be divided by the total turnover or revenues, multiplied by 365 days) produces imbalances in working capital in the company and weakens those who directly sell the product or service to the end customer. Certainly, the producers are not to blame, but everyone is in the

same market and this system does not facilitate growth. Many companies in the sector prefer managing orders in extended times or even refuse some orders so as not to be forced to have to advance cash. There is clearly a rush to acquire customers at any cost, forgetting the economic values, in some cases. Evaluating the success of a company by the number of installations under maintenance or by the value of the turnover can be misleading, while looking at the parameters of the balance sheet and corporate governance may be more reliable. Generically, corporate governance refers to all the tools, rules, systems, processes and corporate relationships that contribute to efficient management of the company and the fundamental role is played by those who make decisions. In micro-enterprises, the roles of ownership and corporate governance often merge and corporate decisions or guidelines can be unbalanced by an “all-round” ownership. In more advanced SMEs, the governance system is very similar to that of large companies, while in micro and small enterprises, governance is still often identified with the ownership or with the single entrepreneur who runs the company. This difference in the lift sector is still very well defined, as the gap is clear between large and small and micro companies and with a scarce presence of medium-sized companies. Sector companies are characterized by the need for technical knowledge which must be accompanied by the in-depth knwoledge of the customer and company numbers. The clear distinction between technical-operational and financial management can lead to managerial failure, given the difference in the various areas or the absence of discussion and dialogue or even, in some cases, the total lack of economicfinancial analysis. It would be better to have a corporate management that is more projected towards enterprise systems and less towards a do-it-yourself entrepreneurship that seeks to satisfy the “overbearing” customer at all costs. It is necessary to include younger people in the companies because they are capable of a global vision and are free from the historical legacies of the sector that have burdened the system. If Italian companies don’t have the strength to change, giving way to generational change and innovation, they run the risk of being crushed. Probably, after years of thinking that the imbalances on the market were produced by a certain type of company, today it could be important to consider that the many micro-enterprises, many of which pay little attention to managerial management, for diverse reason, could contribute to making the situation worse. In conclusion, these signals should not be underestimated and all the players in the sector, both maintainers and producers and customers and institutions, must be part of the change by reversing this trend of late payments which generates problems for everyone, including the State, even if the sector is still a vastly successful one. al cliente finale. Certamente la colpa non è dei produttori, ma tutti sono sullo stesso mercato e questo sistema non agevola la crescita. Molte aziende del settore preferiscono gestire in tempi dilatati le commesse o addirittura rifiutare alcuni ordini per non essere poi costrette a dover anticipare contante. La sensazione che ci sia una rincorsa ad acquisire il cliente ad ogni costo, dimenticandosi dei valori economici, in alcuni casi, appare evidente. Valutare il successo di un’azienda dal numero di impianti in manutenzione o dal valore del fatturato può essere fuorviante, occorre piuttosto guardare ai parametri di bilancio e alla governance aziendale. Genericamente per governance aziendale si intendono tutti gli strumenti, le regole, i sistemi, i processi e i rapporti aziendali che contribuiscono a una gestione efficiente dell’impresa e il ruolo fondamentale lo ricopre chi prende le decisioni. Nelle microimprese, spesso i ruoli di proprietà e governo d’impresa si fondono e le decisioni o gli indirizzi aziendali possono risultare sbilanciati da una proprietà “tutto fare”. Nelle Pmi più evolute, il sistema di governance si avvicina molto a quello delle grandi aziende, mentre nelle micro e piccole imprese, la governance è ancora spesso identificata nella proprietà o nel singolo imprenditore che fa azienda. Questa differenza nel comparto degli elevatori è ancora molto ben definita, in quanto la forbice è netta tra grandi aziende e piccole e micro e con una scarsa presenza di medie aziende. Le aziende di settore sono caratterizzate dalla necessità di conoscenza tecnica che deve essere affiancata alla profondità di conoscenza del cliente e dei numeri aziendali. La distinzione netta tra management tecnico-operativo e finanziario, può portare al fallimento gestionale, vista la differenza dei vari ambiti o l’assenza di confronto e dialogo o addirittura, in alcuni casi, la totale mancanza di analisi economico finanziaria. Auspicabile sarebbe avere per tutti, una gestione aziendale più proiettata verso sistemi di impresa e meno verso una imprenditoria fai da te che cerca di soddisfare a tutti i costi il cliente “prepotente”. È necessario inserire nelle aziende più giovani perché capaci di una visione globale e scevri dai retaggi storici del settore che hanno incatenato il sistema. Se le aziende italiane non avranno la forza di cambiare, dando spazio al passaggio generazionale e all’innovazione, rischieranno di essere schiacciate. Probabilmente, dopo anni in cui si è pensato che gli squilibri sul mercato fossero prodotti da un certo tipo di aziende, oggi potrebbe essere importante valutare che le tante micro imprese, molte delle quali poco attente alla gestione manageriale, per tutta una serie di ragioni, potrebbero anche loro favorire il peggiorare della situazione. In conclusione, questi sono segnali da non sottovalutare ed è necessario che tutti gli attori del comparto, sia manutentori che produttori che clienti e Istituzioni, siano parte del cambiamento invertendo questa tendenza del ritardo dei pagamenti che genera problemi a tutti, anche allo Stato, nonostante il comparto sia ancora un comparto di eccellenza. 20 I L PUNTO d i M i c h e l e M a z z a r d a

RkJQdWJsaXNoZXIy NDUyNTU=